Cambiare rimanendo stabili

Per avere tassi di crescita stabili nel tempo occorre combinare due capacità: quella di adattarsi al contesto ambientale e quella di mantenere una forte stabilità strutturale. Si cambia attraverso piccole scommesse, diversificando il portafoglio su business correlati. Si cambia attraverso una gestione centralizzata delle risorse e continue verifiche del loro utilizzo.  Si cambia perché l’innovazione è compito di tutti e non solo degli specialisti della R&S. Al tempo stesso si rimane stabili perché le strategie rimangono costanti anche in tempi di crisi, e non ci sono mai forti disinvestimenti o ridimensionamenti. Si rimane stabili perché c’è una base di clienti fidelizzati. E si rimane stabili perché i leader mantengono un profilo discreto, non sono né carismatici né narcisisti, e puntano alla valorizzazione e mantenimento dei talenti di provenienza interna.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *