Per accelerare occorre andare piano

Qualcuno pensa che quando si hanno a disposizione persone con capacità semplici e limitate si debbano progettare processi organizzativi che siano semplici e limitati anch’essi. In realtà non esiste una reale differenza di capacità delle persone di fronte ai processi gestionali e produttivi: anche il personale altamente qualificato non è in grado di sostenere a lungo processi complessi e sofisticati. I processi complessi sono rigidi, pesanti e costosi. Richiedono infrastrutture di controllo e coordinamento burocratiche e lente.

I processi che creano alto valore aggiunto sono sempre semplici, ma richiedono mansioni complesse. Per tali processi servono individui preparati e flessibili, in grado di gestire mansioni vaste, non parcellizzate né ripetitive. Individui concentrati sul risultato finale, non su singoli compiti. Individui che siano dei “professional”, non degli esecutori.

I professional agiscono sia individualmente che in squadra – non certo all’interno di una catena di montaggio, con ogni membro responsabile di un singolo pezzo – ma in un gruppo responsabile dell’intero processo, compresa la relazione col cliente (è infatti il cliente che guida l’intero processo).

Come fare a creare e migliorare i processi produttivi e gestionali? Occorre andare piano: occorre cioè diventare riflessivi, sviluppare la capacità delle persone di pensare in comune, creare una vera fiducia. Sembra un paradosso, ma non lo è.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.