Prova di ammissione al Master

Filippo era con la testa china ormai da 20 minuti sul foglio. Di fronte aveva l’unica domanda del test, un’operazione che non riusciva a risolvere: “Completate con un trattino la seguente equivalenza logica: 5 + 5 + 5 = 550“.  In un altro momento avrebbe considerato questo problema come un semplice rompicapo da Settimana Enigmistica, di quelli che fai d’estate, in spiaggia, sotto l’ombrellone. Ma qui non era al Bagno Sauro di Cervia. Qui si trovava al test di ammissione al Corso Superiore di Megamaster avanzato in Business Control Administration Strategy & Conflict della Moby Dick School (lo so, devo camuffare i nomi, ma i fatti sono reali – NdA) e da questo test dipendeva la sua ammissione al corso. E intanto pensava “Ma io pago 12.000 euro per essere ammesso, che bisogno c’è di farmi il test? E poi, cosa c’entra questa operazione con le materie insegnate al Master?”. Domande che non trovavano risposta, e che comunque non lo avrebbero aiutato in quel momento. Gli altri candidati attorno a lui non sembravano messi meglio: si trattava di una folla china sul foglio, che ogni tanto alzava lo sguardo in cerca di improbabili aiuti. Forse una speranza c’era: che nessuno risolvesse l’operazione, e che la prova fosse considerata non influente per la valutazione finale. Invece, una ragazza – una biondina – in prima fila si alzò, tutta trionfante avanzò verso la cattedra della commissione e consegnò il foglio con la risposta. Filippo pensò che quella avrebbe rovinato tutti i suoi piani. Il tempo a disposizione stava per scadere, e non aveva realisticamente nessuna speranza di farcela. 5 + 5 + 5 = 550: ma che razza di problema è? Alla fine si rassegnò, e consegnò il foglio bianco. Quando, una settimana dopo, Filippo apprese di essere stato comunque ammesso al Megamaster, pensò: “A quella biondina glielo devo chiedere, cosa ha messo come risposta”.

2 pensieri su “Prova di ammissione al Master”

  1. 5 centinaia + 5 decine + 5 nullità
    oppure
    ci ho ripensato e mi faccio restituire l’acconto
    oppure
    quello della quinta fila e del terzo tavolo mi ha guardato le gambe
    oppure

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *