I modelli di apprendimento

Chi si occupa di formazione manageriale destinata a chi già lavora sa che esistono diversi modi di apprendere, ed è importante saperli riconoscere quando hai di fronte un allievo. C’è il  Riflessivo, che privilegia l’osservazione diretta e la ponderazione: ha bisogno di tempo per elaborare i concetti e rimane disorientato di fronte ad approcci didattici sbrigativi e poco rigorosi. Un tipo simile è il Teorico, che ama approfondire i concetti che sono alla base dei fenomeni e rispetta moltissimo gli approcci di tipo intellettuale. In questo caso la didattica deve privilegiare le argomentazioni logiche e un approccio strutturato ed organico. Alquanto diverso dai primi due è invece il Pragmatico, che non perde mai di vista il legame fra teoria e realtà, ed è interessato ai risultati ed alle soluzioni concrete di quanto gli viene proposto. Una specie ulteriore infine è l’Attivista, che preferisce imparare cercando di risolvere problemi nuovi, di natura pratica: predilige l’azione al punto da essere intollerante nei confronti di ogni teoria.

Il problema è che li hai presenti tutti contemporaneamente nella stessa aula …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *