Competitività e formazione: due facce della stessa medaglia

La capacità di un’azienda di svilupparsi è strettamente connessa alla crescita della professionalità del personale. Sono in gioco la valorizzazione degli investimenti tecnologici e la competitività. Ad esempio in fabbrica da tempo nuove figure professionali si sono inserite fra quelle tradizionali: addetti al controllo qualità, alla conduzione di linee automatizzate, alla raccolta automatica dei dati. Sono figure specializzate, che devono essere al centro di politiche di sviluppo delle professionalità, che passano essenzialmente attraverso azioni di formazione da un lato, e sviluppo e innovazione organizzativa dall’altro. Solo le aziende che investono in maniera sistematica sulla professionalità del personale possono garantirsi la coerenza fra gli investimenti tecnologici, le azioni di promozione commerciale e lo sviluppo di nuovi prodotti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *