Etica e organizzazione

Cosa è giusto e cosa è sbagliato? Cosa è bene e cosa è male? Sono domande che hanno a che fare con l’etica. Anche le organizzazioni intervengono su questo tema definendo, a volte in modo esplicito e più spesso in modo implicito, quali sono i comportamenti corretti e quelli sbagliati. Le aziende, le associazioni, le istituzioni definiscono cosa è bene e cosa è male, cosa è giusto e cosa è sbagliato per le persone che lavorano al loro interno e per tutti quanti hanno rapporti con loro. I confini fra giusto e sbagliato non sono mai facili da definire. È giusto utilizzare materiali aziendali a scopi personali? Se un collega sbaglia devo fare la spia? Posso accettare un piccolo regalo in cambio di un trattamento preferenziale? È giusto darsi malati anche se si tratta solo di un leggero malessere? L’elenco potrebbe durare a lungo, e non è facile districarsi fra situazioni che non possono essere paragonate fra loro causa differenze culturali, di dimensione, di regole. Una cosa però pare essere certa, e cioè che esiste una relazione positiva tra dimensioni organizzative e comportamenti immorali: numerose ricerche infatti mostrano che sono le aziende, le istituzioni, le associazioni più grandi quelle in cui vengono più spesso realizzati comportamenti non etici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *