Lavoro e macchine nell’epoca digitale

È difficile rassegnarsi alla scomparsa del lavoro così come impostato nel secolo scorso: stabile, remunerato in modo adeguato, tutelato. È difficile anche perché non è chiara la nuova impostazione: sappiamo che il vecchio non funziona più ma anche che il nuovo non funziona ancora.

Il lavoro cambia anche sotto i colpi della rivoluzione digitale, un fenomeno ancora in corso, che nessuno ha ancora capito dove ci porterà. I “fondamentalisti digitali” ne esaltano il potenziale di creazione di valore economico e di democratizzazione delle relazioni sociali. A loro si contrappongono gli “oscurantisti digitali”, che sottolineano le destabilizzazioni in corso nelle nostre economie Prosegui…

I costi insostenibili del controllo

In molte organizzazioni si dà per scontato che i collaboratori non possano essere lasciati liberi di decidere cosa fare. È quindi normale pensare che vadano controllati. A tal scopo si usano vari metodi: stretta supervisione gerarchica, procedure formalizzate, mansionari che definiscono dettagliatamente le attività da svolgere. E poi verifiche, controlli, ispezioni. Questa mancanza di spazi decisionali viene normalmente invocata nel caso di collaboratori inesperti, alle prese con attività nuove. È una ragione valida, a volte inevitabile.

La cosa sorprendente è la presenza di uno stretto controllo gerarchico e procedurale anche nel caso di lavoratori esperti. Certamente esistono attività potenzialmente molto pericolose o delicate, Prosegui…

Contro l’invasione burocratica

Fino al 1800 era normale per le persone lavorare a casa. Al massimo si spostavano per periodi limitati, per lavori stagionali (specie in agricoltura) o temporanei (es. la costruzione di un edificio). A volte erano spostamenti spontanei, come nel caso degli artigiani o dei mercanti. Altre volte forzati: era il caso degli schiavi o dei servi della gleba.

È la rivoluzione industriale che ha creato edifici di lavoro permanenti: fabbriche e uffici. La presenza regolare e massiccia di persone nel medesimo luogo di lavoro determinò esigenze di direzione, coordinamento e controllo fino ad allora sconosciute per dimensione e complessità. La risposta a tali Prosegui…

Racconti di Natale

Come al solito, in una paginetta di diario, i ragazzi mi raccontano come hanno passato il giorno di Natale: tutti hanno giuocato a carte, a scopa, sette-e-mezzo e ti vitti (ti ho visto: un giuoco che non consente la minima distrazione), sono andati alla messa di mezzanotte; hanno mangiato il cappone e sono andati al cinematografo. Qualcuno afferma di avere studiato, dall’alba, dopo la messa, fino a mezzogiorno: ma è menzogna evidente. In complesso, tutti hanno fatto le stesse cose; ma qualcuno le racconta con aria di antica cronaca: “La notte di Natale l’ho passata alle carte, poi andai alla Matrice che era piena di Prosegui…

Lavori senza senso (Bullshit Jobs, di David Graeber)

“Ampi strati della popolazione passano l’intera vita lavorativa a svolgere compiti che in cuor loro ritengono non andrebbero affatto svolti. È come se qualcuno ci costringesse a svolgere compiti privi di scopo soltanto per tenerci tutti occupati. Il danno morale e spirituale che deriva da questa situazione è grave. È una cicatrice che segna la nostra anima collettiva, anche se praticamente nessuno ne parla”.

“Come è possibile anche solo provare a parlare di dignità nel lavoro se si ha l’intima convinzione che la propria occupazione non dovrebbe esistere? Per lavoro senza senso si intende un’occupazione retribuita che è così totalmente inutile, superflua o dannosa che Prosegui…

L’autostima e i cheyenne a cavallo

Vanno di gran moda quei corsi di formazione in cui fichissimi docenti spiegano, illustrano, imitano, esaltano (con canti, balli, abbracci e perfino preghiere) le meraviglie dell’autostima. Se ne esce confortati e ricaricati.

Chi vi partecipa impara quanto sia importante vivere consapevolmente il proprio lavoro, ma anche accettare se stessi. Essere responsabile ma anche autoaffermarsi. Essere integro, ma anche vivere con uno scopo.

Sono corsi che cercano di aiutare il singolo a contrastare la crescente complessità e velocità dell’economia globale. E per farlo non vanno tanto per il sottile: si parte con tre nozioni tre di psicologia spicciola e poi via con l’outdoor training, su per Prosegui…

I servizi delle associazioni

I servizi erogati dalle associazioni di rappresentanza (degli artigiani, dei commercianti, degli industriali, dei cooperatori, degli agricoltori) hanno caratteristiche molto diverse da quelli erogati dalle strutture private. I servizi delle Associazioni normalmente sono tantissimi (le associazioni maggiori hanno in catalogo circa 50 servizi diversi) e devono essere erogati a tutti coloro che ne fanno richiesta. Questo pone l’Associazione in una posizione molto particolare, unica rispetto ad una qualsiasi altra impresa che offre servizi.

In termini “aziendalistici” possiamo definire le Associazioni, come aziende pluribusiness, in quanto offrono una vasta gamma di servizi, estremamente differenziati tra di loro: si va da quelli relativi Prosegui…

Il leader deve costruire fiducia, non burocrazie

Perché una persona è pro-attiva? Perché realizza qualcosa? Realizza qualcosa perché rischia, perché è stata messa nelle condizioni di farlo e perché ne ha voglia, ne trae piacere. Realizza qualcosa perché possiede delle competenze e delle capacità, e perché esiste un clima di cooperazione nell’impresa. I leader devono concentrarsi sul compito di predisporre tutto questo. È questo che serve per ottenere la qualità. E le imprese devono avere sistemi di valori coerenti con questi presupposti.

Troppe imprese hanno un vecchio sistema di valori: aspettano i clienti, convinte che la capacità tecnica sia la cosa più importante. In realtà sono i clienti ad essere la Prosegui…

Le imprese devono costruire competenze intellettuali

Per avere successo negli affari servono clienti che vogliono comprare e personale capace che ha qualcosa da offrire. Se si crea valore per il cliente occorre professionalità: solo questa è la strada per avere buoni risultati economici. Tali risultati consentono all’impresa di investire nello sviluppo di altra professionalità in modo da creare ancora più valore per il cliente: è questo il circolo virtuoso da attivare.

Cosa significa professionalità? Mentre in passato il successo economico si basava sulla produzione, ora questo dipende dalle attività centrate sulle idee. Attività come il design, il marketing e la finanza contribuiscono molto di più al valore di un vestito Prosegui…

Conoscere un’organizzazione

Conoscere un’organizzazione significa concentrarsi sulla qualità dei processi sociali e gestionali che si svolgono al suo interno. È da questi processi infatti che deriva la qualità delle idee che circolano in qualsiasi organizzazione, azienda, ente o associazione che sia.

Quali sono gli strumenti per lavorare sulla qualità dei processi sociali e gestionali?

Molte organizzazioni hanno introdotto dei programmi di qualità, programmi per il lavoro di squadra, programmi per la “gestione per obiettivi”, per lo “sviluppo della conoscenza” e così via. In un certo senso sembra stiano raccogliendo queste procedure per metterle in bella mostra e far capire che sono moderne e che stanno facendo la Prosegui…