Controllo sociale e paura

«Voglio arrivare alla nozione di controllo sociale, Peter. Alla necessità che ogni stato sovrano ha di esercitare un controllo sul comportamento dei propri cittadini, per tenerli tranquilli e renderli ragionevolmente docili. Per farli guidare sulla carreggiata destra della strada – o sulla sinistra, se quello è il caso. Per far sì che paghino le tasse. E naturalmente sappiamo che il controllo sociale lo si gestisce al meglio attraverso la paura

«La paura», disse Evans.

«Esattamente. Per cinquant’anni, le nazioni occidentali hanno tenuto i loro cittadini in uno stato di paura costante. La paura del diverso. La paura della guerra nucleare. La minaccia comunista. La Cortina di Ferro. L’Impero del Male. E all’interno del blocco comunista, è avvenuto lo stesso, ma al contrario. La paura dell’Occidente. Poi, improvvisamente, nell’autunno del 1989, tutto finì. Sparì, svanì. Si volatilizzò. La caduta del Muro di Berlino ha lasciato un vuoto di paura. La natura aborre i vuoti. Qualcosa doveva riempirlo.»

Evans si accigliò. «Sta dicendo che l’emergenza ambientale ha preso il posto della Guerra Fredda?»

«È un dato di fatto. Naturalmente, ora ci sono il fondamentalismo radicale e il terrorismo post 11 settembre a spaventarci, e questi sono certamente motivi reali per cui aver paura, ma non è questo il punto. Il punto è che la paura ha sempre una causa. La causa può cambiare nel corso del tempo, ma la paura è sempre con noi. Prima del terrorismo avevamo paura dell’inquinamento. Prima di questo c’era la minaccia comunista. Il punto è che malgrado la causa specifica della nostra paura possa cambiare, questa non ci abbandona mai. La paura pervade la società in ogni suo aspetto. Continuamente.»

Cambiò posizione sulla panca di cemento, dando le spalle alla folla.

«Si è mai reso conto di quanto sia sorprendente la cultura della società occidentale? Le nazioni industrializzate forniscono ai propri cittadini sicurezza, salute e benessere. Nell’ultimo secolo, l’aspettativa media di vita è aumentata del 50 per cento. Eppure la gente moderna vive nella paura. Hanno paura degli stranieri, delle malattie, del crimine, dell’ambiente. Hanno paura delle case in cui vivono, del cibo che mangiano, della tecnologia che li circonda. Sono terrorizzati in particolare da cose che non possono vedere – germi, sostanze chimiche, additivi, inquinanti. Sono timidi, nervosi, scontrosi e depressi. E, cosa ancor più sorprendente, si sono convinti che sono loro che stanno distruggendo l’ecosistema dell’intero pianeta. Straordinario! Come la credenza nella stregoneria, è una straordinaria illusione – una fantasia globale buona per il Medio Evo. Tutto sta andando al diavolo, e dobbiamo vivere tutti nella paura. Incredibile.

(Michael Crichton, Stato di paura, 2004)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *