Insegnare a pensare

Occorre insegnare il pensiero. Essere capaci di pensare non significa essere intelligenti, ed essere intelligenti non implica necessariamente saper pensare. La scuola non insegna a pensare, e le rare lezioni di logica e analisi rappresentano soltanto una piccola componente del pensiero. Ciò che conta è la capacità di percepire in modo corretto: se la percezione è sbagliata ogni ragionamento consequenziale non potrà che essere sbagliato anch’esso. Come dice De Bono, “il teorema di Gödel dimostra che dall’interno di un sistema non è mai possibile dimostrare attraverso un procedimento logico la validità dei punti di partenza. In parole povere, se le percezioni sono errate, la risposta sarà sempre inadeguata, per quanto eccellente sia la logica dispiegata”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *