L’arte di saper ascoltare

Che ascoltare sia un’arte lo ha detto Plutarco molti secoli orsono (celebre la sua frase “La natura ci ha dato due orecchie ma una sola lingua, per la ragione che siamo tenuti più ad ascoltare che a parlare”), ma non sembra che questo messaggio sia stato recepito. Normalmente capiamo e assimiliamo solo il 50% di ciò che ci viene detto, e dopo 48 ore questa percentuale scende di un altro 50%. La distorsione del messaggio è sempre dietro l’angolo: le attività umane si basano su sistemi di comunicazione, e il loro funzionamento dovrebbe essere una delle prime preoccupazioni di ciascuno di noi. Un buon ascoltatore commette meno errori nella vita e nel lavoro. E invece troppo spesso ci facciamo condizionare più dall’eloquio che non dal contenuto, o pensiamo di sapere già in anticipo cosa ci dirà il nostro interlocutore. Occorre allenamento: il pensiero è quattro volte più veloce dell’eloquio: mentre ascoltiamo possiamo riassumere mentalmente e interpretare ciò che sta dicendo un oratore o il nostro interlocutore, interpretare quello che intende fra le righe, capire quello che effettivamente dice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *