Cambiare gli atteggiamenti negativi

Gianni mi racconta la sua situazione. È il nuovo capo del reparto meno efficiente di tutta l’azienda. Gianni ha il compito di rendere più efficiente il personale senza cambiarlo: non può licenziare, spostare, assumere. Mi chiede se è importante sapere per quale motivo le persone sono improduttive e prive di entusiasmo. Secondo me, no.

A Gianni deve interessare sapere come essi si sentono, non perchè essi si sentono in quel modo. Non deve conoscere il caso di ognuno, ma comprendere i sentimenti generali per valutare il significato delle loro azioni. Deve capire le necessità ed i timori dominanti. Gli dico che sono convinto che i sentimenti del momento – più che le loro cause e le loro origini – rappresentano il materiale di lavoro più importante per cambiare i comportamenti negativi.

Gli dico infine che credo che sia meno rischioso lasciare che i subordinati decidano da soli di volere cambiare che forzarli a cambiare: “Il controllo del capo è assai maggiore se egli dà loro l’opportunità di accettare o di rifiutare il cambiamento, invece che pretendere un cambiamento senza prevedere una “onesta” retroazione”.



Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.