Il consigliere di amministrazione in cooperativa

Non sempre chi si candida a fare il consigliere di amministrazione nella cooperativa in cui lavora ha piena conoscenza dei propri diritti (pochi …) e dei propri doveri (molti …). Oltre ai doveri previsti dalle leggi e dai codici, esistono infatti doveri fiduciari, di lealtà e diligenza nei confronti dei soci. Tali doveri possono essere portati a termine solo se il consigliere è in possesso di quelle competenze (di tipo giuridico, economico, sociale) che gli consentono di comprendere gli elementi essenziali della strategia e della mission della cooperativa e di quali sono le caratteristiche dei business in cui è impegnata l’azienda. Il consigliere deve infatti essere in grado di interloquire coi manager della cooperativa in modo adeguato e di saper valutare correttamente le scelte fatte dai manager. Senza adeguate competenze come può informarsi, entrare nei problemi, chiedere chiarimenti? La dinamica fra consiglieri di amministrazione e manager è cruciale per il bene della cooperativa: un consiglio debole e poco competente rischia di lasciare troppo spazio al management. Nei rapporti fra consiglio di amministrazione e management serve quindi un mix fra fiducia (in linea di principio è il consiglio che sceglie i manager …) e controllo. Il tutto gestito con grande senso di responsabilità ed equilibrio, in modo da non bloccare le attività aziendali.



Condividi questo post

Una replica a “Il consigliere di amministrazione in cooperativa”

  1. Buongiorno
    Mi hanno offerto la carica di consigliere in una cooperativa artigiana
    Posso rischiare qualcosa se in futuro succede qualcosa alla cooperativa
    Cordiali Saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.