L’uguaglianza (e le cooperative)

“Vi è una contraddizione fondamentale e irrimediabile tra il nostro sistema di capitalismo privato (ed anche il capitalismo di Stato di tipo sovietico) egli insegnamenti di Cristo sull’amore reciproco e l’uguaglianza tra gli esseri umani. Di tutte le forme di organizzazione sociale ed economica a noi conosciute, e in grado di controllare la complessa natura del mondo di oggi, il sistema socio-economico basato sulla partecipazione dei lavoratori, sull’autogestione e su una generale autodeterminazione umana, è il più coerente con lo spirito cristiano” (Jaroslav Vanek).

Le cooperative sono basate sui valori dell’autosufficienza, dell’autoresponsabilità, della democrazia, dell’uguaglianza, dell’equità e della solidarietà (Dichiarazione di identità cooperativa – ICA)

Il principio “una testa – un voto” rende impossibile ad un solo socio determinare le decisioni della società. Ciò garantisce uguaglianza tra i soci. (Commissione UE sulle cooperative)

“L’uguaglianza, questa chimera dei plebei, esiste veramente soltanto fra i nobili (Jules-Amédée Barbey d’Aurevilly)

“Quando sicurezza e uguaglianza vanno in conflitto, non bisogna esitare un momento l’uguaglianza va sacrificata” (Jeremy Bentham)

Qui vige l’uguaglianza: non conta un cazzo nessuno! Capito bene luridissimi vermi?!? (Sergente Hartman, in “Full Metal Jacket”)



Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.