Detroit e Torino: due fabbriche a confronto

Cosa accade realmente all’interno delle fabbriche? Come cambiano le relazioni di lavoro? Cosa pensano manager, operai, sindacalisti? Cosa dà più soddisfazione sul lavoro? Resisterà a lungo il modello italiano di relazioni industriali o diventeremo anche qui sempre più americani? Una bella ricerca sociologica lo racconta, mettendo a confronto due fabbriche appartenenti alla medesima multinazionale, una a Torino e una a Detroit. Con interviste, questionari, osservazione diretta.

E con alcune illuminanti osservazioni sulla partecipazione, sulla lean production, sul kaizen: “I clienti dicono ai fornitori: voglio una riduzione del prezzo ogni anno. La conseguenza di questa richiesta è che i fornitori hanno raggiunto un punto in cui non possono tagliare più nulla senza impattare sulla qualità o sulla sicurezza… fanno questi studi, che loro chiamano re-balance, per tagliare un certo numero di persone dalla linea… tali studi stanno diventando ridicoli. Viene tutto deciso dalle persone della finanza, i controllers, che cercano di rendere le azioni più attraenti per gli investitori, ma la realtà produttiva è che i lavoratori non possono lavorare più duramente, più a lungo e più velocemente”. Andrea Signoretti, Fabbriche globali, Il Mulino, 2014



Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.