L’insegnamento dei crociati

“Lo storico ed etnografo armeno Aitone da Corico individuava quattro prerequisiti necessari a una crociata vittoriosa per riconquistare la Terra santa: una causa adeguata, risorse sufficienti, conoscenza delle forze nemiche e una giusta tempistica”. A livello più operativo la buona riuscita di una crociata richiedeva “almeno sette fattori associati ma distinti: un casus belli convincente, pubblicità e propaganda, reclutamento, questioni finanziarie, trasporti, un piano per la campagna (nella misura in cui poteva essere prevista), e una strategia geopolitica più ampia”.

Mi sento di dire che anche oggi una buona strategia aziendale richiede i medesimi ingredienti. Prendiamo ad esempio il tema della pubblicità, o propaganda: “La promozione delle crociate teneva occupata la quasi totalità dei sensi: bisognava parlare, ascoltare, vedere , cantare, leggere, agire e toccare”. Il miglior strumento di propaganda era il predicatore che girava per città e campagne tenendo sermoni. “I sermoni seguivano modelli prestabiliti: un testo introduttivo o una spiegazione, l’exordium; lo scopo del sermone o narratio; le argomentazioni e controargomentazioni o divisio; poi le prove e le confutazioni, confirmatio e confutatio; e la fine, con la conclusione o epilogo”. Anche oggi le migliori campagne promozionali non si discostano da questo modello.

E ancora: “L’organizzazione delle crociate rivela che l’attività bellica per avere successo richiede esperienza, sangue freddo e la capacità di ragionare in modo concettuale ed empirico. L’esercizio della ragione richiede un’attiva organizzazione mentale, capacità di indagine e di deduzione”.

I crociati si chiedevano quale fosse la ragione da adottare per raggiungere gli obiettivi. “La ragione cerca la verità attraverso l’indagine. Il contrario della ragione non è l’ignoranza, il desiderio, la voglia, l’emozione, l’esperienza empirica e nemmeno la semplice negazione della ragione stessa, ma è la rivelazione. L’ignoranza e la mancanza di informazione di per sé non sono irrazionali”.

Risorsa decisiva per raggiungere l’obiettivo è chi dirige il tutto. Anche ai tempi delle crociate infatti i fallimenti erano dovuti a “comandanti che erano spinti da una vanità autoreferenziale un’ideologia pacchiana o un’avidità eguagliate soltanto dalla mancanza di una solida formazione militare o di competenza tecnologica; insomma, il cieco che guida l’illuso”.

Citazioni tratte da: Christopher Tyerman, Come organizzare una crociata, Utet, 2018

 

 

 



Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.