Nuove tecnologie richiedono nuove regole

Abbiamo cultura, competenze, regole organizzative per sfruttare ciò che le nuove tecnologie offrono? Queste consentono di ridurre i costi relativi alle sedi, agli spazi, ai viaggi; di controllare meglio il lavoro delle persone; di coinvolgere più facilmente collaboratori, clienti, fornitori e stakeholders; di fare business a distanza; di migliorare la gestione del tempo di tutti. È possibile importare nell’impresa strumenti largamente diffusi tra cittadini e consumatori. Si può fare tutto, ma proprio questo rende indispensabile una competenza nell’orientamento e selezione delle soluzioni, e un uso di queste che sia veramente aderente alle esigenze della propria organizzazione. Dotare le persone di sistemi e strumenti tecnologici non è quindi sufficiente se a questo non è abbinato un intervento di revisione delle regole organizzative. La tecnologia è un fattore abilitante al vero obiettivo, che è quello di far lavorare assieme le persone in modo più integrato, produttivo, economico, veloce.  Occorre dare alle persone non solo tecnologie, ma anche regole e nuovi ruoli e nuove competenze. Le regole devono essere improntate ai principi della programmazione delle azioni, della puntualità e del rispetto degli impegni, della precisione e attenzione nella redazione dei documenti, dalla semplice e-mail ai report. Cambiano i ruoli, alcuni radicalmente (come quello delle segretarie), altri in modo sostanziale (come quello dei servizi ICT, o dei capi progetto, o di chiunque faccia parte di un team di lavoro).



Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.