Un incarico molto speciale

Scorrendo molti organigrammi – specie di grandi organizzazioni – capita di imbattersi in una casella denominata “Incarichi speciali“. Questa unità organizzativa è normalmente posta alle dirette dipendenze del vertice (Direttore Generale o Amministratore Delegato) e non ha personale interno, ad eccezione naturalmente del titolare. Scorrendo poi il manuale organizzativo, in cui sono riportate caratteristiche e responsabilità di ogni unità, scopriamo che la descrizione del ruolo di “Responsabile degli incarichi speciali” si esaurisce in una riga: “Si occupa di incarichi non predefiniti e non predefinibili. Opera su mandato specifico della Direzione Generale“. Ma cosa si intende per incarichi speciali? Per molte organizzazioni tutto ormai costituisce un “incarico speciale”: sono le organizzazioni continuamente alla ricerca di nuovi mercati, e di innovazioni di prodotto e di processo. Per altre organizzazioni invece si tratta di incarichi ad alto tasso di riservatezza, che richiedono discrezione e capacità di muoversi dietro le quinte, spesso a supporto di azioni di lobbying o di manovre industriali o finanziarie di alto profilo. Esistono infine le organizzazioni (e non sono poche) in cui nella casella “incarichi speciali” vengono collocati ex dirigenti caduti in disgrazia, che non si possono o non si vogliono allontanare. L’incarico di “Responsabile degli incarichi speciali” consente all’azienda di tenere lontani questi personaggi da responsabilità operative e garantisce ai “trombati” una posizione prestigiosa e ben pagata per non fare nulla tutto il giorno.



Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.