Un nuovo ruolo per i consiglieri nelle cooperative

Due anni fa scrivevo, a proposito dei consigli di amministrazione delle cooperative: “la dinamica fra consiglieri di amministrazione e manager è cruciale per il bene della cooperativa: un consiglio debole e poco competente rischia di lasciare troppo spazio al management” (vedi qui). La crisi di molte cooperative ha riproposto la centralità del ruolo dei CdA: di fronte a casi di errori manageriali, i consiglieri di amministrazione hanno scoperto che non possono limitarsi ad un ruolo “benevolo”, di ratifica di decisioni stabilite in altre stanze. Ma scoprire (o ri-scoprire) la centralità del ruolo del consigliere è più facile a dirsi che a farsi. Quanto la scelta dei consiglieri avviene in modo indipendente dalle pressioni del management? E quanto i manager sono disposti ad essere contestati e messi in discussione durante una riunione? Alcune scelte sono necessarie. Nelle imprese di maggiori dimensioni i ruoli di presidente e direttore devono essere distinti. E il Consiglio non può essere composto da più di 11 o 13 persone. Andrebbero anche previsti sistemi di valutazione del contributo del consigliere, e meccanismi per far uscire coloro che realizzano prestazioni inadeguate per competenza, presenza, spirito costruttivo.

 



Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.