Le cooperative non fumano

“Chi fuma avvelena anche te, digli di smettere” fu un fortunato slogan che metteva in luce due elementi: 1) il comportamento di un fumatore ha conseguenze sui non fumatori, ovvero sull’ambiente in cui il fumatore agisce. 2) Chi fa parte dell’ambiente di un fumatore non può accettare passivamente il suo comportamento.

Lo stesso tipo di ragionamento dovrebbe valere per il sistema delle imprese cooperative. Dato che è assodato – anche se qualcuno continua a non capirlo – che i comportamenti negativi di una cooperativa (vera o falsa che sia) si ripercuotono negativamente sull’immagine e reputazione dell’intero sistema cooperativo, è necessario che sia il sistema ad Prosegui…

Partecipazione: questa (poco) conosciuta

Sono tempi, questi – dopo anni di silenzio se non di aperta ostilità sia da parte sindacale che da parte datoriale – in cui va di moda parlare di partecipazione dei lavoratori. Molti ne parlano, appunto, ma ben pochi possono dire di conoscerla e ancora meno sono quelli che possono dire di averla praticata e applicata.

La prima cosa da dire sulla partecipazione al lavoro è anche la più scomoda, e cioè che a molti lavoratori non piace partecipare, non sono interessati, non credono sia giusto, non vogliono essere coinvolti. È una scelta che può certo essere riconsiderata, ma per farlo occorre sfatare Prosegui…

Il Polo Nord Cooperativo

La dignità dei lavoratori, la correttezza dei prodotti e dei servizi, la responsabilità sociale, sono solo alcuni fra i principali valori che devono guidare l’azione di una cooperativa, che sia di lavoratori, di utenti o di piccoli imprenditori. Tali principi sono come il Polo Nord: immutabili, stabili, sempre al loro posto. Una delle strade per permeare l’attività della cooperativa di tali valori è quella di creare una cultura basata sulla completa fiducia a tutti i livelli dell’organizzazione. Quando non c’è fiducia non rimane che affidarsi al controllo. E il controllo costa, crea stress, e arriva sempre troppo tardi.

E quindi cosa deve fare Prosegui…

I cooperatori del latte

Il libro “Latte soldi e politica” è un lunga e interessante intervista a Luciano Sita sulla sua esperienza come presidente del Gruppo Granarolo. “Vent’anni di battaglie tra gli scandali della prima Repubblica e i crac di Cragnotti e Parmalat” recita il sottotitolo, puntando l’attenzione su alcune vicende importantissime della gestione di Sita, ma certo non le sole.

Sita racconta come funzionavano (o non funzionavano) le cose nemmeno tanti anni fa: le cooperative bianche e rosse, gli equilibrismi fra comunisti, democristiani e socialisti nella distribuzione delle cariche non solo sociali ma anche manageriali.

È estremamente interessante poi leggere i retroscena Prosegui…

Il manager cooperativo

Rispetto alle imprese di capitale, le imprese cooperative hanno logiche di sviluppo profondamente diverse: ad esempio si pongono sempre obiettivi di lungo periodo e con forte valenza sociale, all’interno di un sistema di imprese che condividono storia, valori, identità. A livello di gestione manageriale questo significa che per la cooperativa non conta tanto la singola eccellenza o il successo isolato, quanto la costanza della performance prodotta, e che tale performance sia realizzata dalle persone in modo a loro normalmente raggiungibile. Questo è il contesto entro cui deve muoversi il manager cooperativo.

Come deve organizzarsi una cooperativa in modo da avere un corretto Prosegui…

Il rischio delle cooperative sociali

Oggi, se un’azienda vuole trattenere i collaboratori più validi, deve offrire non solo una retribuzione e condizioni di lavoro accettabili, ma anche un significato alla vita di queste persone. L’azienda deve lavorare per cause che inducano coinvolgimento emotivo e ideale. Gli scopi maggiormente coinvolgenti sono quelli che travalicano l’egoismo personale.

Da questo punto di vista le cooperative sociali, per la natura stessa della loro attività, possiedono un’intrinseca potenzialità attrattiva per le persone che cercano una realizzazione ideale dal proprio lavoro. Eppure molte cooperative non sembrano far caso a questo aspetto, quasi non fosse rilevante, o addirittura scontato. Dovrebbe invece essere evidente a Prosegui…

Cooperatori della vecchia scuola

Esistono almeno tre fattori che caratterizzano un dirigente cooperativo della “vecchia scuola”:

  1. Il dirigente cooperativo della “vecchia scuolatrae la propria legittimazione più dall’esterno della cooperativa che dal suo interno. Se è arrivato dove è arrivato ciò si deve essenzialmente alle sue relazioni con associazioni, partiti, consorterie, parrocchie, camarille più o meno framassoniche o parentali. Questo lo rende unico ed insostituibile, perché tali relazioni sono, per definizione, uniche e non trasmissibili.
  2. Il dirigente cooperativo della “vecchia scuola” si presenta come il solo in grado di guidare, salvare, condurre, trainare la cooperativa fuori dalle difficoltà in cui si trova, perché
Prosegui…

La governance cooperativa

Quando possiamo dire che, in una cooperativa siamo in presenza di una corretta corporate governance? Col termine “corporate governance” intendiamo l’attività di governo dell’impresa svolta, direttamente o indirettamente, dai «proprietari» delle stesse. Per le cooperative questo significa riuscire a mettere in piedi un insieme di strutture e meccanismi attraverso i quali i «soci-proprietari» esercitano, direttamente o indirettamente, i loro diritti e doveri di governo dell’impresa.

Tali meccanismi sono gli statuti ed i regolamenti, i criteri di scelta dei gruppi dirigenti, il sistema dei controlli interni ed esterni. Ma questi da soli non bastano. Occorre vi sia anche Prosegui…

Il governo delle cooperative di consumo

Le cooperative di consumo italiane sono molto diverse fra loro. Alcune sono rimaste sostanzialmente piccole, e continuano ad operare a livello locale. Altre invece sono diventate col tempo imprese molto grandi. Queste grandi cooperative hanno scelto di: a) operare all’interno di business ad elevata complessità; b) darsi un’ampia varietà di obiettivi (non solo di distribuzione, ma anche immobiliari, tecnologici, commerciali); c) operare su tutto il territorio nazionale; d) avere grandi basi sociali (definendo soglie di accesso molto basse e associando chiunque ne faccia domanda).

Queste scelte incidono necessariamente sui meccanismi di governo della cooperativa, che devono tener conto dei cambiamenti intercorsi Prosegui…

La retorica cooperativa produce danni

Da tempo evito più che posso convegni, seminari, conferenze, tavole rotonde, workshop dove il modello cooperativo viene esaltato dai relatori di turno con slogan generici e ampollosi. Tali occasioni si sono recentemente moltiplicate, anche per far fronte ai sempre più numerosi attacchi contro la cooperazione.

L’impressione che ne ho – sicuramente sbagliando – è che siano occasioni perdute, e potenzialmente dannose. Se il messaggio non è accompagnato da un’elaborazione operativa, allora rimane esercizio fine a se stesso, se non addirittura controproducente, in quanto vuota retorica che allontana invece che attrarre i destinatari del messaggio stesso.

Troppo spesso il richiamo ai grandi valori Prosegui…